valencia barcellona

Si infiamma il rush finale della Liga, con una lotta al vertice che si è ulteriormente complicata visti gli ultimi rocamboleschi risultati: l’Atletico che perde a Bilbao, il Real fermato dal Betis e persino il Barca che perde in casa con il Granada. Tanto che ora anche il Siviglia sembra rientrato in corsa a soli tre punti di distanza dalla vetta. Insomma tutte le partite sono ormai fondamentali ed eventuali errori potrebbero non avere tempo di recupero. Per questo dopo i punti buttati al vento nel recupero, i blaugrana non possono permettersi passi falsi a Valencia, che pure non sta attraversando un momento molto brillante.

Scopriamo tutto quello che c’è da sapere su una delle partite più interessanti della 34ª giornata del campionato spagnolo.

Valencia vs Barcellona: dove vedere la partita

La partita tra Valencia e Barcellona si terrà domenica 2 maggio alle ore 21:00 preso lo stadio de Mestalla di Valencia.

Per seguire la partita in diretta sarà necessario collegarsi tramite DAZN da uno dei dispositivi compatibili.

Le probabili formazioni

Il dubbio di Gracia arriva soprattutto dalla difesa, con almeno due ballottaggi che potrebbero anche portare a un possibile cambio di modulo. Andiamo quindi prima sulla certezze, con il duo di attacco che dovrebbe essere composto da Guades e Maxi Gomez. Sicura anche tutta la linea in mezzo al campo, con Soler, Racic e Wass sicuri della maglia da titolare.

Dubbi invece su tutta la linea di difesa, tranne per Gaya sulla fascia sinistra. Si potrebbe quindi optare per una difesa a 3 con i due quinti alti di centrocampo che diventerebbero quindi lo stesso Gaya e Correia sull’altro lato. In mezzo invece Gabriel è l’unico certo del posto, con Lato e Guillamon favoriti su Cheryshev e Diakhaby. Anche in porta ci sono dubbi, anche se Cillessen dovrebbe farcela (nonostante il problema al ginocchio) su Jaume.

Molti meno dubbi per Koeman, che pure è l’unico invece che non scenderà in campo dopo l’espulsione presa proprio nel recupero contro il Granada. Da valutare certo la condizione sul doppio impegno ravvicinato, e qualche cambio programmato rispetto all’undici sceso in campo in settimana.

Messi ovviamente confermato in avanti con probabilmente ancora Griezmann (più di Dembelè) al suo fianco. A centrocampo confermati Busquets e De Jong, mentre l’altra maglia titolare sarà per Pedri. Esterni invece Alba e probabilmente Dest che prenderà il posto di Roberto.

Linea di difesa a tre con Piquè al centro, mentre Mingueza, Lenglet e Umtiti si giocano le altre due maglie davanti al solito Ter Stegen.

HAI MAI GIOCATO A SUPER6?

Pronostica 6 risultati e vinci 100.000€ in diamanti E se nessuno indovina i 6 risultati, tutte le settimane un diamante del valore di 1.000€ al miglior classificato. Provalo subito, E' GRATIS!

probabile formazione valencia vs barcellona
La probabile formazione del Valencia per la gara contro il Barcellona
probabile formazione barcellona vs valencia
I probabili 11 di Koeman per la gara di Valencia
  • Valencia (3-5-2): Cillessen; Lato, Guillamon, Gabriel; Gaya, Soler, Racic, Wass, Correia; Guades, Maxi gomez.
  • Barcellona (3-5-2): Ter Stegen; Lenglet, Piquè, Mingueza; Alba, F.de Jong, Busquets, Pedri, Dest; Griezmann, Messi.

Come arriva il Valencia

Sei punti di vantaggio sulla zona rossa della classifica portano un cauto ottimismo per il finale di una stagione certo non esaltante. E i risultati di questo periodo lo dimostrano, con una vittoria che manca da cinque giornate in cui si sono raccolti solo tre punti.

HAI MAI GIOCATO A SUPER6?

Pronostica 6 risultati e vinci 100.000€ in diamanti E se nessuno indovina i 6 risultati, tutte le settimane un diamante del valore di 1.000€ al miglior classificato. Provalo subito, E' GRATIS!

E il problema non sembra nemmeno tanto quello del gol (con 41 reti segnate è in effetti il migliore della parte “destra” della classifica), quanto quello in difesa dove ha subito una media di due gol a partita negli ultimi 11 incontri.

In casa le cose migliori, con un’imbattibilità che dura da otto turni e dove solo Siviglia e Atletico sono riuscite a portare a casa bottino pieno (tutte e due con il medesimo 0-1). Il più sarà vedere appunto che tipo di motivazioni riusciranno a mettere in campo.

Come arriva il Barcellona

Poteva essere il sorpasso con una eventuale vittoria nel recupero contro il Granada, e invece è stata una disfatta che rimette in discussione la corsa verso il titolo di Spagna. Una sconfitta che arriva in un ottimo momento peraltro, con una serie di vittorie (otto) intervallate soltanto dal 2-1 subito a Madrid nel “Clasico”.

Niente vetta della classifica quindi, anzi, una bagarre ancora più difficile da sbrogliare con anche il Siviglia ora tirato dentro dai continui passi falsi delle rivali davanti (nell’ultima partita tra Barca, Real e Atletico hanno portato a casa solo un pareggio).

Certo nulla è ancora compromesso, considerato poi che in questa giornata tutte e quattro sembrano avere un turno abbordabile, in vista poi di quella che può essere considerato come il turno decisivo, il prossimo, dove avremo proprio le sfide dirette tra le prime quattro: Barca contro Atletico e Real contro Siviglia.

Nell’attesa c’è da portare a casa questa vittoria sul campo non facile del Valencia, con un’unica certezza: non sono più consentiti passi falsi.

Statistiche e precedenti

I numeri del Barcellona sono piuttosto chiari: miglior attacco (77 reti), primo per tiri in porta (15.5 a partita), primo per possesso palla (62.7%), primo per passaggi riusciti (89.7%), primo per dribbling (13.2 a partita), primo per minor tiri subiti a partita (8.2).

Insomma il Barca è primo praticamente in tutte le classifiche di parametri offensive (e non). L’unica graduatoria in cui non è davanti a tutti, è proprio quella dei punti in campionato (ma poteva esserlo in questi giorni). Segno inequivocabile che nella volata scudetto alla fine sono ancora i catalani i favoriti.

Il Valencia di contro, in quelle stesse classifiche vive costantemente nel limbo di mezzo, senza eccellere in nulla ma sempre con più di qualche squadra alle sue spalle. Una mediocrità che però spesso non basta in campo per avere la meglio, specie se di fronte hai una squadra concentrata e con forti motivazioni di vittoria.

Ciò nonostante, l’ultimo precedente a Valencia sono stati proprio i padroni di casa a vincerlo, con un netto 2-0 finale e doppietta di Maxi Gomez (che sbagliò anche un rigore nell’occasione). Va detto però che fu anche l’unica vittoria nell’arco di una dozzina d’anni in cui alla meglio arrivò qualche pareggio: il bilancio delle ultime 15 sfide parla infatti di 9 pareggi (6 dei quali per 1-1), 1 vittoria Valencia e 5 del Barcellona.

Ma ogni stagione è storia a sè, e come detto motivazioni e numeri sono tutti dalla parte degli ospiti. Anche se poi in campo, è un’altra cosa.

Marco Fava
Da più di quindici anni si occupa di comunicazione e contenuti online. Voce e volto di ItaliaPokerClub, capo-redattore di "Poker Sportivo" in genere sempre alle prese con tutto quello che è gaming. Negli ultimi tempi si occupa della redazione di un portale sportivo ("Improbabile.it") dedicato ai Daily Fantasy Sport.