scuola di scommesse

Da buoni italiani, ci sono tradizioni e appuntamenti che  – sportivamente parlando – non possiamo ignorare.

Tra questi, quelli relativi ai motori: dalla Ferrari a Valentino Rossi, le quattro e le due ruote sono diventate appuntamenti fissi la domenica in occasione dei vari Gran Premi.

E negli ultimi anni, abbiamo potuto aumentare l’adrenalina delle corse trovando il modo di effettuare scommesse e pronostici sulla Formula Uno e sulla MotoGP.

Le scommesse sulla Formula Uno

Negli ultimi anni, lo strapotere di Lewis Hamilton e della Mercedes hanno un po’ anestetizzato un mondo così veloce e spettacolare.

Tuttavia, il betting relativo alla Formula Uno risulta sempre intrigante ed appassionate, e può essere protagonista sia prima della gara (o delle prove) che in live, durante il Gran Premio stesso.

Andiamo a vedere come funzionano le scommesse sulla Formula Uno.

Come vincere scommettendo sulla Formula Uno?

Prima di capire come vincere con le scommesse sulla Formula Uno, un breve riassunto regolamentare: va infatti premesso che le vetture della Formula Uno si confrontano (mediamente una volta ogni quindici giorni) su tracciati di tutto il mondo, e la competizione si divide in due momenti fondamentali.

Il primo è quello del sabato, dove grazie ad una formula che prevede tre sessioni di qualifica (denominate Q1, Q2 e Q3) si compone la griglia di partenza della gara; il secondo momento, ovviamente, è quello della gara della domenica, nel quale tutti i piloti corrono al fine di ottenere la miglior posizione possibile per sé stessi e per la propria scuderia.

Come si scommette sulla Formula Uno?

Contrariamente a quanto si potrebbe pensare, esistono svariati mercati di scommessa relativi alla Formula Uno. Andiamo a vedere le principali:

  • Vincente Gran Premio: qui bisogna naturalmente pronosticare chi vincerà la gara della domenica.
  • Miglior tempo in prova: in questo caso, con questa scommessa si tenterà di indovinare chi sarà l’autore della pole – position del sabato.
  • Miglior tempo in gara: chi sarà l’autore del giro più veloce in gara?
  • Podio SI/NO: Finirà sul podio o meno quel dato pilota?
  • Composizione Podio: Come sarà composto il podio? Hamilton, Vettel, Verstappen? Oppure Hamilton, Bottas, Leclerc? O Hamilton, Verstappen e Ricciardo? Va scelto il trittico corretto.
  • Arriva/Non arriva: Quel determinato pilota riuscirà a completare la gara o si ritirerà prima del traguardo?
  • Safety Car SI/NO: Entrerà durante la gara la Safety Car?
  • Primo pilota a ritirarsi: Chi sarà il primo pilota ad abbandonare la gara (per incidente o guaio meccanico)?
  • Prima scuderia a ritirarsi: Quale sarà la scuderia che per prima si ritirerà?
  • Testa a testa piloti: Vengono fornite coppie di piloti e bisogna pronosticare chi si piazzerà meglio.

Quali sono le strategie per vincere con le scommesse sulla Formula Uno?

La Formula Uno, negli ultimi 7/8 anni, è stata incredibilmente monotematica: Hamilton e Mercedes, come detto, hanno stradominato, vincendo la stragrande maggioranza delle gare.

HAI MAI GIOCATO A SUPER6?

Pronostica 6 risultati e vinci 100.000€ in diamanti E se nessuno indovina i 6 risultati, tutte le settimane un diamante del valore di 1.000€ al miglior classificato. Provalo subito, E' GRATIS!

HAI MAI GIOCATO A SUPER6?

Pronostica 6 risultati e vinci 100.000€ in diamanti E se nessuno indovina i 6 risultati, tutte le settimane un diamante del valore di 1.000€ al miglior classificato. Provalo subito, E' GRATIS!

Questo ha fatto sì che, dal punto di vista del betting, vi sia stato un enorme appiattimento delle quote del “vincente gara”, rendendo di fatto sconveniente il puntare sistematicamente su Hamilton e sulle “Frecce d’Argento”. Diventa invece più interessante, dal punto di vista del valore, puntare sui mercati “miglior tempo in gara” (dove non è detto che sia la Mercedes a primeggiare) e i “Primo pilota a ritirarsi” e “Prima scuderia a ritirarsi”. Per fare un esempio, infatti, la scorsa sciagurata stagione per la Ferrari ha regalato, a chi ha puntato sulle debacle (purtroppo numerose) di Vettel e del Cavallino Rampante, dal punto di vista delle scommesse avrà conseguito un solido guadagno.

Attenzione poi al live: un incidente o l’arrivo della pioggia, poi, in qualche occasione possono completamente snaturare la gara (vedi ad esempio Monza 2020, quando tra mille incognite fu Gasly a vincere, su Sainz e Stroll).

Come vincere scommettendo sulla MotoGP?

Una volta visti gli aspetti relativi alla Formula Uno, passiamo a quelli relativi alle due ruote: la MotoGP, infatti, è la competizione motociclistica principale.

Anche questo sport, nella maggior parte dei casi, prevede delle gare ogni 15 giorni, spesso alternate al calendario della Formula Uno (di modo che non vi siano sovrapposizioni, correndo entrambe nel primo pomeriggio di domenica).

Anche nella MotoGP vi è un sistema di qualificazione del sabato simile a quello della Formula Uno, con la differenza che vengono presi i tempi delle prove libere per stabilire quali piloti debbano passare per la Q1 e quali direttamente alla Q2.

Domenica, ovviamente, gara e caccia alla vittoria.

Come si scommette sulla MotoGP?

Le scommesse sulla MotoGP ricalcano in buona parte quelle relative alla Formula Uno. Quindi, vincente, miglior tempo in qualifica, miglior tempo in gara, podio si/no, primo pilota a ritirarsi, composizione podio, arriva si/no, testa a testa li ritroveremo anche nel borsino delle scommesse sulla MotoGP.

Per le due ruote, però, troviamo anche una serie di scommesse di altro tipo: ad esempio, una tipologia è il “migliore del gruppo”: viene fornito un novero di quattro piloti, e bisogna indovinare chi dei quattro finirà meglio la gara. Ad esempio: Vinales, Rossi, Dovizioso, Morbidelli: chi finirà nella posizione migliore?

Altra scommessa diffusa è “Finirà nei primi sei?”, che parla da sola: bisogna scommettere se quel dato pilota terminerà in uno dei primi sei posti.

Le migliori strategie per vincere scommettendo sulla MotoGP

Fino al 2020, anche nella MotoGP vi era un trend di assoluto dominio per il quale il mercato “vincente gara” non risultava conveniente. Parliamo di Marc Marquez, che aveva letteralmente cannibalizzato le ultime 4 stagioni.

L’alfiere Honda, però, nella gara di apertura 2020 è caduto pesantemente ed è rimasto fuori tutta la stagione, gettando peraltro ombre anche sul suo futuro.

Questo ha generato un Campionato del Mondo incredibilmente incerto, con un sacco di vincitori diversi (alla fine il mondiale è stato vinto da Mir, che ha vinto la sua prima gara alla penultima uscita iridata) ma soprattutto in live vi sono state grandissime occasioni, con numerosissimi e frequenti capovolgimenti di fronte.

Per la stagione 2021, dal punto di vista bettistico, non possiamo che augurarci un trend di simile incertezza, che spesso fa rima con grandi vittorie per gli scommettitori.

Riccardo Moro
Editorialista, copywriter, appassionato di comunicazione, sport e giochi. Da sempre racconta storie di calcio, motori e gambling.