milan cagliari

Il Cagliari chiude il campionato con una trasferta storicamente proibitiva, a San Siro contro il Milan. Forse l’aria di casa farà in modo che Walter Zenga riesca a spezzare una sorta di maledizione che vede gli isolani sempre sconfitti da 20 anni? La risposta a questa domanda serve per piazzare il vostro pronostico Super6

I precedenti tra le due squadre

In 37 partite giocate a San Siro, il Cagliari è stato sconfitto dal Milan in 25 occasioni, mentre è riuscito ad espugnare lo stadio milanese solo in 3 occasioni. Ma sono ben 20 anni che gli isolani non riescono a tornare a Cagliari imbattuti: dal pareggio per 2-2 del 17 ottobre 1999, firmato da Domenico Morfeo e Daniele Berretta per i rossoblù e da Andriy Shevchenko e Oliver Bierhoff per i rossoneri, il Milan ha inanellato una serie di 14 vittorie consecutive. 

L’ultima di queste vittorie si è verificata il 10 febbraio 2019, quando il Diavolo si è imposto per 3-0, a causa dell’autorete di Luca Ceppitelli e ai gol di Lucas Paquetà e Krzysztof Piatek

Per risalire all’ultima vittoria cagliaritana a San Siro dobbiamo tornare al 1° giugno 1997, quando Roberto Muzzi mise a segno un gol che permise al Cagliari, che sbagliò anche un rigore con Pippo Pancaro, di sconfiggere un Milan imbottito di giovani per l’ultima giornata di campionato, in cui venne anche espulso Dejan Savicevic

All’andata, giocata a Cagliari l’11 gennaio, il Milan è riuscito ad espugnare la Sardegna Arena con i gol di Zlatan Ibrahimovic (al primo gol della sua nuova esperienza in rossonero) e Rafael Leao.  

Si trattò del 9° successo di Stefano Pioli contro il Cagliari, squadra che ha affrontato da allenatore in 18 occasioni, ottenendo anche 4 pareggi e 5 sconfitte. Sulla panchina rossoblù non sedeva però Walter Zenga, che Pioli ha già affrontato in un’altra occasione, vincendo, bensì Roland Maran. L’attuale tecnico dei sardi comunque non vanta dei buoni precedenti contro il Milan, affrontato 3 volte da allenatore uscendone sempre sconfitto. 

Ex della partita sono Valter Birsa, in rossonero nella stagione 14/15 in cui ha collezionato 21 presenze e 2 gol, e Alberto Paloschi, prodotto del vivaio milanista che collezionò 9 presenze condite da 4 gol nella stagione 07/08, in cui esordì tra i professionisti. 

precedenti-MILAN-CAGLIARI

Le ultime sul Milan

Contro la Sampdoria è arrivata l’ennesima bella vittoria del Milan post lockdown. In particolare ha colpito l’atteggiamento di Zlatan Ibrahimovic, autore di una doppietta che chiama chiaramente un rinnovo di contratto anche per la prossima stagione. D’altra parte, non è l’unico giocatore soddisfatto dell’operato di Stefano Pioli: anche Hakan Calhanoglu, altro marcatore della serata, sembra rinato sotto l’allenatore parmigiano. Il quarto gol poi portava la firma di Rafael Leao, giocatore forse ancora un po’ acerbo ma che può rivelarsi molto utile in futuro per il Diavolo.

La partita con la Samp ha portato anche altre due note: una positiva, ovvero il 4° rigore stagionale parato da Gigio Donnarumma (anche lui pronto a discutere il prolungamento del contratto), ed una negativa, ovvero l’ammonizione rimediata da un nervosissimo Ante Rebic, che gli costa un turno di squalifica. Possibile comunque che Pioli, per l’ultima di campionato e senza nulla in palio, dia la possibilità di mettersi in luce a qualche giovane.

Davanti alla porta di Donnarumma, conferma per Matteo Gabbia e possibile avvicendamento tra Simon Kjaer e Leo Duarte, molto sfortunato in questa stagione. Come terzini a destra Davide Calabria e a sinistra Theo Hernandez. In mezzo al campo possibile esordio per Marco Brescianini, fin dall’estate scorsa aggregato alla prima squadra, resta da vedere se da titolare oppure subentrando in corsa ad uno tra Ismael Bennacer e Franck Kessié. Sulla trequarti, ai lati di Calhanoglu, possibile ultima presenza per Jack Bonaventura, in scadenza e il cui rinnovo non è così scontato, mentre sulla destra è ballottaggio tra Samu Castillejo e Alexis Saelemaekers, mentre come punta Ibra cercherà di incrementare ulteriormente il suo bottino di gol, che già lo vede come l’unico giocatore della storia ad aver segnato più di 50 gol con entrambe le maglie delle due squadre di Milano.

Probabile formazione

99
Donnarumma
19
Hernandez
46
Gabbia
43
Duarte
24
Calabria
79
Kessie
94
Brescianini
5
Bonaventura
10
Calhanoglu
56
Saelemaekers
21
Ibrahimovic

Le ultime sul Cagliari

Non c’era nulla in palio, ma la vittoria del Cagliari sulla Juventus fresca di scudetto è sicuramente un’impresa che porta prestigio ed entusiasmo alla squadra di Walter Zenga. In particolare è davvero encomiabile il lavoro fatto dal tecnico in questo ultimo periodo per dare spazio ad alcuni giovani dell’ottimo vivaio rossoblù: con la Juve ha avuto spazio da titolare Luca Gagliano, giovane attaccante di Alghero che ha compiuto 20 anni da 2 settimane e che contro i bianconeri ha firmato la rete del vantaggio e l’assist per il raddoppio di Giovanni Simeone.

Contro il Milan potrà esserci spazio anche per qualche altro giovane, vista la squalifica di Marko Rog e l’indisponibilità di Christian Oliva, Luca Pellegrini, Radja Nainggolan e Leonardo Pavoletti. In porta ci sarà Alessio Cragno, autore di un suntuoso finale di campionato, e davanti una linea difensiva composta da 3 tra Fabio Pisacane, Sebastian Walukiewicz, Luca Ceppitelli e Ragnar Klavan, con il giovane Andrea Carboni possibile alternativa in corsa.

Sulle fasce, spazio a Federico Mattiello sulla destra e a Charalampos Lykogiannis sulla sinistra, mentre a centrocampo potrebbe trovare spazio il giovane Riccardo Ladinetti, affiancato da Nahitan Nandez e Arthur Ionita, se Zenga vorrà giocare più coperto. Se invece azzarderà un atteggiamento più offensivo, possibile conferma per Gagliano al posti di Ladinetti, in attacco al fianco del veterano Antonio Paloschi che Zenga ha preannunciato titolare, con Joao Pedro spostato in posizione di trequartista.

Probabile formazione

28
Cragno
40
Walukiewicz
23
Ceppitelli
19
Pisacane
22
Lykogiannis
21
Ionita
35
Ladinetti
18
Nandez
3
Mattiello
10
Joao Pedro
9
Paloschi
Tobia Brunello
Classe 82’come il mundial di Spagna. Appassionato di calcio in tutte le sue forme tra una partita e l’altra inganna l’attesa con fumetti e serie TV. Lascia le sue tracce sul web scrivendo delle sue passioni.