milan inter ibra

Un derby al vertice come non si verificava da anni, questo Milan-Inter potrebbe essere la partita decisiva del campionato.

I rossoneri sono al culmine di un processo di ricostruzione che sta dando risultati superiori alle attese, mentre i nerazzurri sono in un momento estremamente delicato della loro storia recente, che li ha visti tornare lentamente ad essere una squadra competitiva per lo scudetto dopo un decennio dagli ultimi successi.

Un vero e proprio incrocio di destini in una stracittadina per definizione impronosticabile. Quali saranno le vostre scelte in chiave Super6?

I precedenti tra le due squadre

Siamo all’86° derby della Madonnina di Serie A, in cui nominalmente è il Milan a giocare in casa, anche se i risultati storicamente hanno arriso maggiormente all’Inter, con le sue 33 vittorie e 25 pareggi, mentre i rossoneri possono vantare solo 28 successi casalinghi. L’ultima vittoria in serie A dei rossoneri in casa risale al 31 gennaio 2016, un 3-0 siglato dai gol di Alex, Carlos Bacca e M’Baye Niang, e con Gigio Donnarumma che parò un rigore a Mauro Icardi.

I rossoneri si sono ripetuti anche in Coppa Italia il 27 dicembre 2017, riuscendo a prevalere sui cugini nei tempi supplementari grazie ad un gol di Patrick Cutrone. Sempre di Coppa Italia è il precedente più recente tra le due squadre, ovvero la vittoria per 2-1 dell’Inter dello scorso 26 gennaio, giunta grazie ai gol Romelu Lukaku su rigore e Christian Eriksen su punizione allo scadere, dopo che Zlatan Ibrahimovic, autore del vantaggio rossonero, si fece espellere per doppia ammonizione.

L’ultima derby di campionato giocato in casa del Milan, il 21 settembre 2019, ha visto la vittoria nerazzurra per 2-0 grazie alle reti di Romelu Lukaku e Marcelo Brozovic, mentre la partita di andata, giocata lo scorso 17 ottobre, si è conclusa con la vittoria rossonera per 2-1, con doppietta di Ibrahimovic (che segnò la prima rete sulla ribattuta di un rigore parato da Samir Handanovic) e gol ininfluente di Lukaku.

HAI MAI GIOCATO A SUPER6?

Pronostica 6 risultati e vinci 100.000€ in diamanti E se nessuno indovina i 6 risultati, tutte le settimane un diamante del valore di 1.000€ al miglior classificato. Provalo subito, E' GRATIS!

La vittoria dell’andata ha rappresentato il primo successo di Stefano Pioli contro Antonio Conte, arrivato al 10° confronto dopo 3 pareggi e 6 vittorie del collega, e la prima sconfitta di Conte contro il Milan, fronteggiato 13 volte da allenatore, ottenendo 9 vittorie e 3 pareggi in precedenza In totale, Pioli ha ottenuto 5 vittorie, 3 pareggi e 9 sconfitte nei suoi 18 precedenti contro l’Inter.

Pioli ha avuto anche un’esperienza sulla panchina interista, nel corso della stagione 16/17, per un totale di 27 partite con una media di 1,67 punti ottenuti, che non bastarono ad evitargli l’esonero.

A proposito di ex, non possiamo non ricordare il passato interista di Zlatan Ibrahimovic, nelle fila della Beneamata per 3 stagioni tra il 2006 e il 2009, periodo in cui ha giocato 117 partite mettendo a segno 66 gol e vincendo, oltre a un titolo di capocannoniere, 3 scudetti e 2 Supercoppe Italiane.

HAI MAI GIOCATO A SUPER6?

Pronostica 6 risultati e vinci 100.000€ in diamanti E se nessuno indovina i 6 risultati, tutte le settimane un diamante del valore di 1.000€ al miglior classificato. Provalo subito, E' GRATIS!

Tra le fila dell’Inter troviamo invece Matteo Darmian, prodotto del vivaio rossonero che tra il 2007 e il 2009 riuscì a collezionare anche 6 apparizioni i prima squadra.

precedenti milan inter

Le ultime sul Milan

Il pareggio per 2-2 ottenuto sul campo della Stella Rossa in Europa League, grazie all’autogol di Radovan Pankov sul corner di Samu Castillejo e al rigore procurato e trasformato da Theo Hernandez, sa un po’ di beffa, dato che il secondo gol serbo è arrivato al 93° con il Milan in superiorità numerica, ma è comunque un buon risultato in ottica qualificazione, in particolare dopo la disfatta di La Spezia.

Stefano Pioli ha avuto anche la possibilità di lasciare a riposo numerosi elementi chiave della formazione rossonera, come Zlatan Ibrahimovic, Davide Calabria, Simon Kjaer, Alexis Saelaekers e Franck Kessié, che torneranno tutti titolari dal primo minuto nel derby. La brutta notizia è il nuovo problema muscolare per Ismael Bennacer, costretto ad uscire prima della fine del primo tempo per una ricaduta al flessore della coscia destra. L’algerino si aggiunge così a Brahim Diaz e Daniel Maldini nella lista degli indisponibili, ed il suo posto a centrocampo a fianco di Kessié sarà preso da Sandro Tonali, apparso comunque in crescita nelle ultime uscite.

Per il resto scenderà in campo la formazione tipo, con Gigio Donnarumma in porta e la difesa composta da Calabria, Kjaer, Alessio Romagnoli e Hernandez. In attacco alle spalle di Ibra giocherà Hakan Calhanoglu da trequartista, con Ante Rebic, in vantaggio rispetto a Mario Mandzukic e Rafael Leao, sulla fascia sinistra e Saelaerkers sulla destra.

Probabile formazione

99
Donnarumma
19
Hernandez
13
Romagnoli
24
Kjaer
2
Calabria
79
Kessie
8
Tonali
12
Rebic
10
Calhanoglu
56
Saelemaekers
11
Ibrahimovic

Le ultime sull’Inter

L’eliminazione dalle coppe europee è ancora una ferita aperta in casa Inter, ma quantomeno offre ad Antonio Conte la possibilità di preparare per bene gli impegni di campionato da qui a fine stagione e di limitare il turnover allo stretto necessario. I nerazzurri arrivano al derby infatti con l’intera rosa a disposizione, fatta eccezione per l’assente cronico Stefano Sensi, che questa volta ha accusato un risentimento muscolare che potrebbe spingerlo verso il forfait.

Ha recuperato ormai completamente anche Arturo Vidal, ma l’impressione è che, dopo lunga attesa e quando ormai tutti avevano un po’ perso le speranze, Christian Eriksen si sia finalmente “preso” l’Inter, guadagnandosi la terza maglia da titolare nel centrocampo nerazzurro a fianco degli imprescindibili Marcelo Brozovic e Nicolò Barella.

La formazione per il derby vede gli unici altri dubbi sulle fasce: se a destra è confermato Achraf Hakimi, a sinistra il ballottaggio è tra Ashley Young e Ivan Perisic. Per il resto, i soliti titolarissimi: Lautaro Martinez e Romelu Lukaku in attacco, Milan Skriniar, Stefan de Vrij e Alessandro Bastoni in difesa, Samir Handanovic in porta.

Probabile formazione

1
Handanovic
95
Bastoni
6
De Vrij
37
Skriniar
14
Perisic
24
Eriksen
77
Brozovic
23
Barella
2
Hakimi
10
Martinez
9
Lukaku
Tobia Brunello
Classe 82’come il mundial di Spagna. Appassionato di calcio in tutte le sue forme tra una partita e l’altra inganna l’attesa con fumetti e serie TV. Lascia le sue tracce sul web scrivendo delle sue passioni.