verdi-torino-verona

Il Verona di Juric, dopo un girone d’andata strepitoso e una salvezza conquistata anzitempo, ospita il Torino di Nicola, con i granata impegnati nella caotica lotta per restare in Serie A. Le motivazioni utili al pronostico Super6 sembrano essere dalla parte degli ospiti, ma con Lasagna e compagni, mai dire mai..

I precedenti tra le due squadre

Sono 26 i precedenti al Bentegodi tra le due squadre, con un Torino che è uscito dallo stadio veronese per ben 19 volte con un risultato positivo, tra 10 vittorie e 9 pareggi. Solo 7 i successi casalinghi per l’Hellas, l’ultimo il 25 febbraio 2018, con una doppietta di Valoti che ha vanificato il gol granata di Niang.

Quanto al computo dei gol, parliamo di 49 reti (a generare una media gol piuttosto bassa, di 1,88 reti a partita) distribuite in 23 gol dei padroni di casa e 26 degli ospiti.

L’ultimo successo del Toro risale invece al 7 febbraio 2015, grazie ai gol di Martinez, Quagliarella e El Kaddouri, con gol della bandiera scaligero di Luca Toni.

HAI MAI GIOCATO A SUPER6?

Pronostica 6 risultati e vinci 100.000€ in diamanti E se nessuno indovina i 6 risultati, tutte le settimane un diamante del valore di 1.000€ al miglior classificato. Provalo subito, E' GRATIS!

L’ultimo precedente assoluto, invece, è dello scorsa stagione, quando al Bentegodi si vide una partita davvero spettacolare: il 15 dicembre 2019, infatti, Verona Toro finì 3-3, con i granata che si erano portati sullo 0-3 con doppietta di Ansaldi e gol di Berenguer, per poi subire la rimonta dei padroni di casa grazie a Pazzini, Verre e Stepinski.

Quanto alla pagina dedicata ai “doppi ex”, probabilmente il più illustre è Giampiero Ventura, tecnico scaligero nel 2006-2007 prima di sedersi con successo per molti anni sulla panchina granata. Panchina in comune anche per Mandorlini, che ha allenato ambo le squadre.

Tra i giocatori, invece, i nomi più recenti sono quelli di Tachtsidis Rodriguez: il centrocampista greco ha militato nel Verona dal luglio 2011 al luglio 2012, per poi nel 2014 arrivare a Torino; il secondo al Toro dal 2012 al 2014 prima di passare a Verona. Recentemente, poi, anche Benussi, Sgrigna e Rubin.

Le ultime sul Verona

E’ sfumata negli ultimissimi minuti quella che poteva essere una vittoria significativa contro lo Spezia. Significativa perchè, dal momento che l’Hellas ha da mesi conquistato la salvezza matematica, ad un tratto non è più riuscito a fornire prestazioni convincenti (l’ultima vittoria, infatti, è quella di Cagliari di oltre un mese fa). La stagione resta comunque più che positiva, e al Bentegodi ora arriverà una squadra in piena lotta per salvarsi, motivo per cui fornire una prova onorevole.

Eccezion fatta per Tameze squalificato, nei gialloblu la formazione sarà più o meno la titolare; resta tuttavia il gran ballottaggio dietro, dove Juric potrebbe valutare un po’ di turnover davanti a Silvestri (dove sembrano essere Dawidowicz, Gunter e Dimarco i favoriti, ma anche Ceccherini e Magnani hanno chance di titolarità); sulle fasce i soliti Faraoni e Lazovic, con Sturaro e Barak in mezzo. Sulla trequarti saranno Zaccagni e Salcedo (gradita sorpresa di fine stagione) a supportare bomber Lasagna.

HAI MAI GIOCATO A SUPER6?

Pronostica 6 risultati e vinci 100.000€ in diamanti E se nessuno indovina i 6 risultati, tutte le settimane un diamante del valore di 1.000€ al miglior classificato. Provalo subito, E' GRATIS!

Probabile formazione

1
Silvestri
21
Gunter
23
Magnani
3
Dimarco
8
Lazovic
7
Barak
33
Sturaro
5
Faraoni
9
Salcedo
20
Zaccagni
92
Lasagna

Le ultime sul Torino

Pur con qualche patema d’animo, il Toro ha conquistato i 3 punti contro il Parma, fornendo il sesto risultato utile consecutivo nelle ultime 8 giornate riuscendo per la prima volta da molto tempo ad uscire dalla zona retrocessione. Al Bentegodi, la differenza di ambizioni e motivazioni può fare la differenza, dato che i granata dovranno assolutamente cogliere un risultato positivo per continuare l’ottima marcia intrapresa da qualche settimana.

A livello tattico, c’è molta attesa per il duello sulle fasce tra Ansaldi e Faraoni, oltre alla sfida a distanza tra i fantasisti Verdi e Zaccagni.

Quanto all’undici titolare, probabile la conferma di quella che dovrebbe essere ormai la formazione tipo, con Izzo, N’Koulou e Bremer davanti a Sirigu,con Singo e Ansaldi esterni e in mezzo la fisicità di Mandragora, coadiuvato da Rincon e Verdi. Unico possibile rebus davanti, dove ovviamente Belotti e Sanabria restano favoriti per le maglie da titolari; attenzione solo all’incognita relativa al turno infrasettimanale, per il quale qualcuno inizialmente potrebbe partire dalla panchina, anche se risulta improbabile.

Probabile formazione

39
Sirigu
3
Bremer
33
Nkoulou
5
Izzo
15
Ansaldi
24
Verdi
88
Rincon
38
Mandragora
17
Singo
11
Zaza
9
Belotti
Riccardo Moro
Editorialista, copywriter, appassionato di comunicazione, sport e giochi. Da sempre racconta storie di calcio, motori e gambling.